Dr. Valentina Ghironi    Medicina Estetica - ...la soluzione efficace per ogni inestetismo
FILLER RIEMPITIVI E BIOSTIMOLANTI
 
Filler riempitivi: sono a base di acido jaluronico (un naturale componente della nostra cute e sottocute) o idrossiapatite di calcio (Radiesse), completamente riassorbibili e con un grado di sicurezza praticamente totale.
 
I primi filler in commercio erano a base di olio di silicone, largamente utilizzato fin dagli anni '60, ne venne poi vietato l'utilizzo, visti i danni da esso causati, negli anni '80.
 
I filler utilizzati negli ultimi anni, niente hanno a che vedere con il temuto silicone, si tratta di materiali completamente riassorbibili e costituiti da sostanze semplici e naturali.
Si impiegano per la correzione di rughe, per il ripristino dei volumi e contorni del volto, per il riempimento delle labbra e per il ringiovanimento di mani e decolletè.
Vengono iniettati con l'utilizzo di aghi o di cannule, la procedura è semplice, poco invasiva e, fatta eccezione per eventuali ecchimosi, priva di effetti collaterali. La durata varia da 6 mesi a 1 anno.
 
 
Biostimolazione: è una procedura che mira a rigenerare cute e sottocute mediante l'impiego di materiali a base di acido jaluronico a basso peso molecolare, o pool di aminoacidi, vitaminici etc..
 
Vengono applicati attraverso microiniezioni nelle aree da trattare, in genere il volto, collo e decolletè, al fine di ottenere un ringiovanimento di cute e sottocute.
Le sedute sono da 3 a 5 da eseguirsi ogni 21 giorni con cadenza semestrale.
 
L'effetto che se ne ricava è dato, sia dall'azione meccanica dell'ago, che ledendo la cute nè stimola la rigenerazione, sia dalle sostanze iniettate che vanno a ricostituire la pelle dei componenti di cui diventa carente con il passare degli anni.
 
Tale pocedura, unita a sedute di peeling e radiofrequenza, garantisce un ringiovanimento naturale e una diminuzione delle rughe superficiali.
 
 
 
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint